Home > Bibliography > Bibliography (Italian) > La ’drammaturgia’ del suono elettronico nel Perseo e Andromeda (...)

ZATTRA, Laura

La ’drammaturgia’ del suono elettronico nel Perseo e Andromeda di Salvatore Sciarrino

2006b

lunedì 16 aprile 2007, di Rob Weale

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

L’articolo ripercorre la genesi e la fruizione dell’opera Perseo e Andromeda (1991) di Salvatore Sciarrino, per voci e sistemi informatici realizzati presso il Centro di Sonologia Computazionale dell’UniversitĂ di Padova. Essa si distingue per essere la prima opera lirica in cui l’orchestra viene completamente sostituita da suoni sintetici generati dal computer e suonati dal vivo. L’articolo analizza gli aspetti strutturali, testuali, timbrici (suoni evocano il vento e il mare, vocalitĂ dei protagonisti con pochi elementi melodici in continua e minima variazione), la sintesi informatica (descrizione degli strumenti informatici), la partitura edita da Ricordi (interessante caso di trascrizione su pentagramma dell’elettronica e di pubblicazione di tutta la partitura informatica), l’apparato scenografico, la ricezione dell’opera (articoli di importanti critici musicali).

SPIP | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0