Home > Glossary > Musicology of Electroacoustic Music [MEM] > Schaefferian Theory > Quatre Écoutes > Italian definition

Italian definition

Quattro ascolti

Uno dei concetti chiave della teoria schaefferiana. Si distinguono quattro modi di ascolto (quatre modes de l’écoute : Écouter, Ouïr, Entendre, Comprendre) posti in una tabella a quattro sezioni numerate da uno a quattro. Ne risultano degli incroci tra due dualismi che caratterizzano qualsiasi attività percettiva: il dualismo Astratto/Concreto, e il dualismo Oggettivo/Soggettivo (questo consiste nel confronto tra l’oggetto della percezione e l’attività della coscienza che percepisce). Lo schema è rappresentato qui sotto:

Abstrait Concret
4. COMPRENDRE 1. ÉCOUTER Objectif
3. ENTENDRE 2. OUÏR Subjectif
  1. Écouter, ascoltare, significa ascoltare qualcuno o qualcosa ; attraverso il suono che funge da intermediario, lo scopo è di identificare la fonte, l’evento, la causa, significa trattare il suono come indizio della fonte, dell’evento (quadrante concreto-oggettivo).
  2. Ouïr, sentire, è percepire con l’orecchio, essere colpito dai suoni, è il livello più bruto, più elementare della percezione. Si sente passivamente, si sentono cose che non si cerca né di ascoltare né di capire (concreto-soggettivo).
  3. Entendre, intendere, manifesta un’intenzione all’ascolto (écouter), cioè significa selezionare, in ciò che si sente, ciò che più interessa, al fine di operare un operazione di Qualificazione di ciò che si intende (astratto-soggettivo).
  4. Comprendre, comprendere, significa raggiungere un significato, dei valori, trattando il suono come un segno che rinvia a questo significato, in funzione di un linguaggio, di un codice (écoute sémantique. Astratto-oggettivo).

I quattro modi di ascolto possono essere riassunti nella frase seguente : « Je vous ai ouï malgré moi, bien que je n’aie pas écouté à la porte, mais je n’ai pas compris ce que j’ai entendu. » cioè : « VI ho sentiti mio malgrado, sebbene non avessi ascoltato alla porta, ma non ho compreso ciò che ho inteso (Fonte - Michel Chion (1983). Guide des Objets Sonores. Eds. Buchet/Chastel, Paris).

venerdì 4 maggio 2007, di Pierre Couprie