Home > Bibliography > Bibliography (Italian) > Tecnologia dell’esperienza musicale nel Novecento

DI SCIPIO, Agostino

Tecnologia dell’esperienza musicale nel Novecento

2002

lunedì 19 novembre 2007, di Rob Weale

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

L’autore introduce il concetto di tecnologia come dimensione propria del fare musicale del Novecento. Rileva il ruolo centrale della tecnologia nelle societàoccidentali, dalle prime esperienze pionieristiche nel campo delle arti e della musica, al fonografo di Edison al “laboratorio dell’udito” di Dziga Vertov, all’arte radiofonica e alla musique concrete. Rileva la fascinazione originaria per la composizione del suono, e l’emancipazione del timbro come parametro per l’elaborazione formale insieme alle nuove possibilitàdi fruizione (il Poème électronique di Varese). Nella rivoluzione informatica, le tecnologie della musica diventano domini di interazione culturale e cognitiva. Un esempio è l’interpretazione del concetto di “automazione” formulato da Xenakis, Tenney, Brün, Grossi. Di Scipio auspica un rinnovamento nella metodologia di studio di questi lavori in modo da integrare allo studio dell’opera anche lo studio della loro messa in opera.

SPIP | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0